Home
Home --> Rubriche --> Studi e ricerche --> La comprensione ed il controllo delle emozioni nei bambini

di Anna Livia Balderi, argomento: Psicologia dello Sviluppo

stampa

L’abilità sia di esprimere le proprie emozioni, secondo i canoni comportamentali della società in cui si vive, che di comprendere quelle altrui è uno degli aspetti fondamentali della socializzazione umana e costituisce la base della competenza emotiva, ossia della capacità di costruire relazioni interpersonali positive, che favoriscano comportamenti socializzanti. L’esperienza emotiva si sviluppa in massima parte nei primi anni di vita, durante l’attaccamento, ed affonda le proprie radici nella cultura di riferimento, che permea la regolazione delle emozioni, al fine di renderle socialmente accettabili ed accettate. Gli schemi comportamentali che il bambino acquisisce nei primissimi periodi di vita sono i parametri su cui costruirà le successive relazioni; in questo processo un ruolo fondamentale viene svolto dalla famiglia, “società in miniatura”, ed in particolare dalla principale care-giver: la madre.

Per competenza emotiva si intende “l’insieme delle capacità che consentono di riconoscere, comprendere, rispondere coerentemente alle emozioni altrui e di regolare l’espressione delle proprie” (Albanese, Lafortune, Daniel, Doudin & Pons, 2006). Secondo questa definizione quindi la competenza emotiva ha una forte valenza esterna: è quella particolare abilità che consente di affrontare la variabilità delle diverse situazioni poiché l’individuo, riconoscendo le emozioni, sia proprie che altrui, è in grado di gestirle adeguatamente rispetto al contesto ed alla situazione contingente (Saarni, 1999). Al concetto di competenza emotiva è collegato sia quello di intelligenza emotiva, intendendo con questo termine quella forma di intelligenza di carattere emozionale che permette di avere relazioni interpersonali positive e favorire comportamenti socializzanti (Salovey & Mayer, 1990; Goleman, 1996; Pons, Doudin, Harris & de Rosnay, 2002) che quello di competenza sociale, poiché la capacità di manifestare le proprie emozioni con le modalità più adatte alle richieste ed alle esigenze del contesto è un elemento indispensabile nella costruzione e corretta gestione della propria rete di relazioni e nel conseguente raggiungimento della condizione di benessere all’interno di un gruppo (Goldman, 1980; Bilello, Casiglia, lo Coco & Miceli, 1985; Francescato, Putton & Cudini, 1989; Di Pietro, 2000; Corsano, 2003).

Il testo integrale è disponibile in formato PDF scaricabile integralmente a questo indirizzo (file PDF, 88 kb).


 
MOTORE DI RICERCA

AREA UTENTI
Di cosa soffriamo
Orientamenti
Scegliere lo psicoterapeuta
Diritti e doveri
Indirizzi utili
 

RUBRICHE
Chiedi all'esperto
Approfondimenti
Studi e ricerche
Spazio editoriale aperto
Cronaca ragionata
Interviste
Psicologia e arte
News
Recensioni
Dall'Europa e dal mondo
 

SCIENZE UMANE

SALUTE

VARIE

REGISTRO

LINK

FORUM

MOTORI DI RICERCA

Credit | Note legali | La tua privacy | Contattaci Copyright © 2003-2017 Psicoterapia.it - Tutti i diritti riservati