Home
Home --> Rubriche --> Interviste --> L'interpretazione psicoanalitica: intervista ad Angela Candela

a cura di Maurizio Mottola, argomento: Psicoanalisi

stampa

Cos’è oggi l’interpretazione per gli psicoanalisti e come tale concetto si è evoluto nel corso del tempo?
Oggi lo spazio-tempo dell’interpretazione si colloca su un crinale conflittuale che, da un lato, si impegna sulla centralità del fantasma e l’articolazione delle propaggini dell’inconscio nel preconscio, dall’altro - soprattutto nel mondo delle sofferenze mentali contemporanee- l’analista che interpreta si impernia ad offrire al paziente un sostegno alla sua vacillante e confusa soggettività, sulle sue possibilità di dasein esistenziale, nel rispetto e nella comprensione del suo mondo interno. Oggi, quindi, la ricchezza del lavoro psicoanalitico sta appunto nel promuovere nell’analizzando un’integrazione tra la significazione del rimosso, attraverso aree esperienziali già metaforizzate, e la metaforizzazione di suoi vissuti emergenti per la prima volta alla coscienza.

Qual è attualmente la specificità della psicoanalisi rispetto alle altre psicoterapie?
La psicoanalisi è rappresentata nel suo insieme da uno stretto intreccio articolato tra metodo di ricerca, tecnica terapeutica e teoria psicologica, con un suo declinarsi psicoterapeutico: psicoanalisi individuale secondo il setting classico del lettino a più sedute settimanali, psicoterapia psicoanalitica individuale con setting modificato (vis a vis ed un numero ridotto di sedute settimanali), psicoterapia psicoanalitica della coppia, psicoterapia psicoanalitica di gruppo; il modello che fa da sfondo comune e distintivo della cura psicoanalitica è l’analisi delle dinamiche transfert-controtransfert paziente-terapeuta.

Ad oltre 70 anni dalla scomparsa di Sigmund Freud (23 settembre 1939), come si colloca la psicoanalisi in relazione alle neuroscienze?
Ancor oggi il lavoro psicoanalitico è proteso a decretare il primato scientifico dei fatti psichici, nella stanza d’analisi: resta indubitabile comunque, nella ricerca psicoanalitica, l’opportunità e la necessità di avvicinarsi alla sofferenza mentale umana in stretta integrazione con i diversi approcci scientifici (tra cui le neuroscienze), aventi la dimensione antropologica dell’uomo come oggetto di indagine, nei suoi rapporti psiche-soma.


 
MOTORE DI RICERCA

AREA UTENTI
Di cosa soffriamo
Orientamenti
Scegliere lo psicoterapeuta
Diritti e doveri
Indirizzi utili
 

RUBRICHE
Chiedi all'esperto
Approfondimenti
Studi e ricerche
Spazio editoriale aperto
Cronaca ragionata
Interviste
Psicologia e arte
News
Recensioni
Dall'Europa e dal mondo
 

SCIENZE UMANE

SALUTE

VARIE

REGISTRO

LINK

FORUM

MOTORI DI RICERCA

Credit | Note legali | La tua privacy | Contattaci Copyright © 2003-2017 Psicoterapia.it - Tutti i diritti riservati