Home
Home --> Rubriche --> Interviste --> Lo spazio dell'interpretazione, intervista a Sarantis Thanopulos

a cura di Maurizio Mottola, argomento: Psicoanalisi

stampa

Cos'è oggi l'interpretazione per gli psicoanalisti e come tale concetto si è evoluto nel corso del tempo?
L'interpretazione psicoanalitica nel senso classico del termine, e cioè secondo l'impostazione che le ha dato Freud, è un'operazione di re-significazione dell'esperienza soggettiva a partire dal recupero di desideri che sono stati rimossi, a causa del loro carattere conflittuale, nella prima infanzia. Nel corso della sua evoluzione fino ai nostri giorni il concetto dell'interpretazione ha subito una trasformazione, anche se la sua definizione freudiana mantiene in vaste aree dell'esperienza clinica la sua validità. Nel lavoro con pazienti la cui esistenza soggettiva è in bilico, la ricerca di un recupero del desiderio rimosso perde il suo significato, perché il desiderio è rimasto fin dall'inizio precluso, sospeso e non ha mai trovato un'esistenza sufficientemente definita nell'apparato psichico. Così nessun ritorno del rimosso può soccorrere il lavoro analitico. Qui l'analista deve riflettere l'esistenza sospesa del paziente nel suo assetto mentale ed affettivo, quando questa esistenza tende periodicamente a riemergere in modo spontaneo. Ciò che l'analista mette in parole è l'impronta che lascia su di lui, trasformandolo, un'esperienza del paziente che cerca di prendere forma per la prima volta.

Qual è attualmente la specificità della psicoanalisi rispetto alle altre psicoterapie?
La specificità della psicoanalisi resta la preferenza che accorda all'inconscio ed al sogno. L'analisi mira sempre al ripristino dell'esperienza onirica (del sonno come della veglia) come luogo in cui la dimensione inconscia -più irriducibilmente soggettiva- dell'esistenza trasforma la realtà.

A 70 anni dalla scomparsa di Sigmund Freud (6 maggio 1856 - 23 settembre 1939), come si colloca la psicoanalisi in relazione alle neuroscienze?
Direi, questa è la mia visuale personale, che la psicoanalisi debba porsi nei confronti delle neuroscienze in modo insieme disponibile e prudente. Disponibile perché il dialogo non può che produrre un reciproco arricchimento. Soprattutto dopo l'allontanamento dei neuroscienziati più accreditati dalle prospettive cognitiviste e dall'informatizzazione della vita psichica. Prudente perché lo iato tra gli oggetti conoscitivi delle due discipline non autorizza l'illusione di una superscienza unificante.


 
MOTORE DI RICERCA

AREA UTENTI
Di cosa soffriamo
Orientamenti
Scegliere lo psicoterapeuta
Diritti e doveri
Indirizzi utili
 

RUBRICHE
Chiedi all'esperto
Approfondimenti
Studi e ricerche
Spazio editoriale aperto
Cronaca ragionata
Interviste
Psicologia e arte
News
Recensioni
Dall'Europa e dal mondo
 

SCIENZE UMANE

SALUTE

VARIE

REGISTRO

LINK

FORUM

MOTORI DI RICERCA

Credit | Note legali | La tua privacy | Contattaci Copyright © 2003-2018 Psicoterapia.it - Tutti i diritti riservati